Prenota ora!

Amalfi: la Storia

Vacanze ad Amalfi, una scelta fatta di storia, bellezze naturali e cultura culinaria

Villa Antonella → Amalfi → 33,5 km        Tempo di percorrenza → 49 minuti
 
 
Amalfi, la cui fondazione viene fatta risalire ai romani (il suo stemma reca la scritta Descendit ex patribus romanorum), a partire dal IX secolo, prima (in ordine cronologico) fra le repubbliche marinare, rivaleggiò con Pisa, Venezia e Genova per il controllo del Mar Mediterraneo.
 
Il più celebre monumento di Amalfi è certamente il Duomo in stile arabo-siciliano ed attualmente dedicato a Sant’Andrea, patronodella città. Infatti più che di Duomo si dovrebbe parlare di complesso Cattedrale, poiché l’attuale edificio risulta da sovrapposizioni ed affiancamenti di varie chiese di varie epoche. Il primo edificio dedicato al culto cristiano, fu una chiesa paleocristiana risalente al VI secolo d.C., che, come in molti casi analoghi in tutta Italia, probabilmente sostituiva un tempio dedicato a divinità romane.
 
Tra il VI ed il IX secolo d.C., la prima Cattedrale eretta sulla precedente paleocristiana, fu dedicata alla Santissima Maria Assunta, prima protettrice di Amalfi. La Chiesa attuale dedicata a Sant’Andrea risale al IX secolo d.C., fu costruita a fianco della precedente e comunicante con la stessa, su commissione del duca Mansone I; ad essa furono fatte aggiunte successive in epoca medievale e barocca (come il Campanile; l’altare di Sant’Andrea, con due statue del Bernini; il Chiostro del Paradiso, eretto dal vescovo Filippo Augustariccio e dove vi era il sarcofago che rappresentava ad altorilievo “le nozze di Peleo e Teti” sulla superficie laterale e “Romolo e Remo allattati dalla lupa” ad uno dei capi, con l’iscrizione medioevale “Cesarius de Alaneo (Alagno) de Amalfi…. MCCLXIII”, “CESAREUS ALANEO IACET ARCHIDIACONUS ISTE IURIBUS ORNATUS CUI PRESTES COELIVA CRISTE ELECTUS FUERAT SALERNI MORTE QUIEVIT PROVIDUS ET LARGUS PER FAMAM SUAM CREVIT”; il suo sigillo è conservato nel Museo Diocesano di Salerno. I portali in bronzo con 4 formelle di argento raffigurante il Cristo, la Madonna, Sant’Andrea e San Pietro, realizzati nel 1066 a Costantinopoli, su commissione del Nobile Pantaleone de Comite Maurone; il soffitto a cassettoni rivestito in oro zecchino).
 
Per tradizione, ogni anno un equipaggio di vogatori amalfitani partecipa alla Regata delle Antiche Repubbliche Marinare, sfidando gli armi delle città di Genova, Pisa e Venezia.
 
LUOGHI DA VISITARE AD AMALFI: IL MUSEO DELLA CARTA
Il Museo della Carta di Amalfi è un’ex-cartiera trasformata in museo nel 1969 per volere di Nicola Milano, proprietario della cartiera ed appartenente ad una delle famiglie amalfitane famose per essere state operanti nella produzione e fabbricazione della carta di amalfi (o carta bambagina).
 
Il museo, situato nella Valle dei Mulini, nella parte interna della città, ospita i macchinari e le attrezzature (opportunamente restaurati e perfettamente funzionanti) impiegati nell’antica cartiera per realizzare la carta a mano. Al primo piano sono stati allestiti, inoltre, un’esposizione di fotografie e stampe documentaristiche e una biblioteca a tema contenente libri sulle tecniche di produzione, a testimonianza dell’importanza assunta da questo manufatto nella storia della repubblica marinara.
 
La visita guidata, della durata di 15-20 minuti circa, include anche la possibilità di assistere dal vivo alla realizzazione di un foglio di carta di Amalfi.
 

 

Dicono di noi

  • Anonymous
    Estate 2015
    value: 10.00; staff: 10.00; service: 10.00; clean: 10.00; comfort: 10.00; position: 10.00.
  • Paul (Utah - USA)
    Estate 2015
    Struttura larga, bella, pulita, 3 camere di letto, bella cucina, belle terrazze, tutto ben arredato, parcheggio privato.
  • Francisco Jose' (El Puerto De Santa Maria - Es)
    Settembre 2014
    10.0 value; 10.00 staff; 10.00 service; 10.00 clean; 10.00 comfort; 10.00 Posizione.
  • Monica and Lauren (England)
    Maggio 2014
    This home is in an exceptional location, overlooking the Gulf of Naples. It 's very modern and very quiet. The rooms are nice and comfortable. There is an air of home.
  • Beatrice e Jean Michel (Francia)

    un incontro felice.....
  • Angela (Danimarca)
    Primavera 2016
    Nella nostra camera a Villa Antonella c'era un vaso di fiori di campo,
Continua »

Social

Seguici anche sui social networks su cui siamo attivi con un nostro profilo o pagina.

Contattaci

Tutti i recapiti

Newsletter

Iscriviti alla nostra mailinglist per essere sempre aggiornato su eventi, attività e offerte.

© 2016 Villa Antonella "Lorello & Partners group". Partita IVA 08183411217 - Come true thanks to TourismBrain & MioCMS.